La scomparsa di Luiz Sponchiado creatore del Centro ricerche genealogiche di Quarta Colonia Stampa
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Sabato 20 Marzo 2010 14:19

Il sacerdote Luiz Sponchiado, è stato sepolto, mercoledì 17 marzo dopo la morte avvenuta all'età di 88 anni nell'Ospedale di Santa Maria.  Figlio di Silvio Sponchiado e Corina de Marco, Padre Luiz Sponchiado era nato il 22 febbraio 1922 a Novo Treviso, ora un quartiere della città di Faxinal de Soturno nello stato di Rio Grande do Sul.

All'età di 12 anni entrò nel seminario di St. Joseph a Santa Maria. Fu ordinato sacerdote nel 1946 dal vescovo Antonio Reis e nel 1956 assegnato alla parrocchia di Nova Palma. Fin dal primo momento, in aggiunta alle attività religiose, ha cercato di contribuire allo sviluppo della regione. È stato il creatore della Cooperativa Agricola Mista Ltda di Nova Palma. Ha fondato il Centro per la genealogia (CPG) di Palma Nova a cui Padre Luiz  si è  dedicato per oltre 50 anni ricercando le origini delle famiglie di immigrati italiani e non solo nella Quarta Colonia. 

Il CPG,  aperto ufficialmente il 1 ° giugno 1984, ha circa 50 mila nomi nelle raccolte genealogiche. In aggiunta alle informazioni sugli antenati degli immigrati, il Centro ha anche molti altri documenti come fotografie, libri, scritti, calendari, video e registrazioni audio. Il sito è un punto di riferimento per i ricercatori in tutto il paese e all'estero. Il CPG ha ricevuto ricercatori provenienti da Italia, Inghilterra, Stati Uniti, Canada, Argentina e Uruguay.

Per il lavoro di salvataggio delle origini, la memoria e la cultura del popolo della regione centrale del Rio Grande do Sul. Padre Luiz Sponchiado ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui il titolo di Commendatore della Repubblica nel 2000, concesso dal governo brasiliano, ed il titolo di "Cavaliere dell'Ordine al Merito'" del governo italiano. Sono 1634 i cognomi italiani registrati grazie al lavoro di padre Luiz , nel centro di ricerca genealogica di  Nova Palma . ( http://www.cbg.org.br/ )

fonte: http://www.oriundi.net/