Dal 4 aprile nuovo sistema di appuntamenti al Consolato di Buenos Aires Stampa
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Martedì 29 Marzo 2011 14:46

argentinaRidurre code ed attese e razionalizzare l’erogazione dei servizi consolari: è con questo obiettivo che, a partire dal prossimo 4 aprile, tutti i settori del Consolato Generale di Buenos Aires, ad esclusione di quello di Assistenza, riceveranno il pubblico, previo appuntamento online. Il numero di appuntamenti giornalieri, spiegano dal Consolato, è stato ricavato dalla media delle persone che si sono presentate settimanalmente presso i vari settori negli ultimi due anni, numero successivamente arrotondato per eccesso.

Di conseguenza, il Consolato Generale continuerà a ricevere complessivamente almeno lo stesso numero di utenti che riceveva prima dell’introduzione del sistema di appuntamenti: ma grazie ad un’equa distribuzione dei turni fra i vari giorni della settimana e all’introduzione di fasce orarie per il ricevimento dell’utenza, si potranno ridurre i tempi di attesa allo sportello e garantire il disbrigo di ciascuna pratica entro un tempo massimo di un’ora e mezzo dall’ingresso in Consolato.  Per raggiungere questo obiettivo, sottolineano da Buenos Aires, sarà necessaria una attiva collaborazione da parte dell’utenza, che, per garantire il buon funzionamento del sistema, è invitata alla massima puntualità (ritardi superiori a 10 minuti comporteranno la cancellazione dell’appuntamento). È gia possibile prenotarsi attraverso il sito internet prenota online.

Se non si dispone di connessione internet, è possibile prenotare chiamando dal lunedì al venerdì a questi numeri: dalle 13.30 alle 14.30, al numero 011 4114 4731, per il settore Stato Civile/Anagrafe/Richiesta Passaporto; dalle 11.00 alle 12.00, al numero 011 4114 4743, per il settore Notarile/Studi/Pensioni, dalle 12.00 alle 13.00, al numero 011 4114 4730, per l’Ufficio Visti. Il Consolato ricorda che continua ad essere possibile l’accesso in sede senza appuntamento in casi di reale emergenza, che saranno valutati dagli operatori incaricati dell’accoglienza al pubblico. Si ricorda che l’appuntamento è gratuito, personale e non può essere ceduto o scambiato. Non saranno ricevute più persone con lo stesso tagliando di appuntamento; anche gli appartenenti alla stessa famiglia, se maggiorenni, dovranno quindi prenotare l’appuntamento separatamente.

 

Fonte: aise