21 visitatori online

Associazione Mantovani nel mondo onlus

 


      Via Mazzini 22 46100 Mantova Tel./Fax. +0039 0376 244844 *C.F. 93028490204*

Home Notizie Articoli Venerdì 3 dicembre 2010 presentazione del libro San Giacomo della Marca compatrono di Mantova, a cura del prof. Rodolfo Signorini
Menu Principale
Ricerche famigliari
Il sito precedente
Multimedia
Archivio notizie
Ultimi Articoli pubblicati
Articoli più letti
Visitors Counter
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi316
mod_vvisit_counterIeri577
mod_vvisit_counterQuesta Settimana3524
mod_vvisit_counterSettimana precedente4064
mod_vvisit_counterQuesto mese4145
mod_vvisit_counterMese precedente16683
mod_vvisit_counterdal 15 agosto 2009244681
Visitors Counter
Sondaggio
Esprimi un voto sui contenuti
 
Utenti : 843
Contenuti : 163
Link web : 22

Venerdì 3 dicembre 2010 presentazione del libro San Giacomo della Marca compatrono di Mantova, a cura del prof. Rodolfo Signorini
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Venerdì 3 dicembre 2010, a Mantova, presso la biblioteca del convento di S. Francesco, si terrà la presentazione del libro San Giacomo della Marca compatrono di Mantova, a cura del prof. Rodolfo Signorini. Il programma
  • ore 16.30: saluto di benvenuto - Padre Davide Bisognin, Guardiano del Convento di San Francesco di Mantova Prof. Giorgio Saggiani, Presidente Associazione Mantova-Weingarten e Priore Compagnia del Preziosissimo Sangue
  • ore 16.45: introduzione Mons. Gian Giacomo Sarzi Sartori, Vicario Generale Diocesi di Mantova ore 17.00 “San Giacomo compatrono di Mantova” Padre Marco Boccolini, Guardiano del Convento di San Francesco della Marca di Monteprandone (Ascoli Piceno)Prof. Rodolfo Signorini, Storico
  • ore 18.00: Conclusioni


San Giacomo il compatrono dimenticato
Di PAOLA CORTESE

Siamo nel 1459 quando Domenico Gangala, futuro san Giacomo della Marca, ex avvocato entrato nell’Ordine dei Frati Minori, approda a Mantova, col saio francescano per volontà del pontefice Pio II che gli chiede di partecipare alla Dieta e di raccogliere uomini e denaro per fermare l’avanzata dei Turchi in occidente. Ma chi poteva immaginare che quest’uomo, poi beato quindi santo, potesse affiancare Sant’Anselmo in qualità di patrono di Mantova? Oggi sono rimasti in pochissimi a sapere che San Giacomo della Marca è il compatrono della città.
E che il suo culto viene celebrato il 28 novembre, domani. Grazie al volume San Giacomo della Marca. Compatrono di Mantova di Rodolfo Signorini, edito da Tre Lune, si potrà conoscerne la storia e rinverdirne la devozione scemata nell’800. «San Giacomo predicò di certo a Mantova e compì miracoli - spiega Rodolfo Signorini, studioso di storia e storia dell’arte mantovana -. Tra quelli più noti vi è quello di aver fermato la piena del Po a Revere facendo pregare i contadini lungo gli argini. Ma quel che più lo lega a Mantova è senza dubbio la strenua difesa della reliquia del sangue di Cristo, rischiando persino di mettersi in odore di eresia e contrastando l’opinione dei domenicani, secondo i quali «Gesù, con la Resurrezione non lasciò in terra tracce delle sue spoglie mortali. I Sacri vasi dunque non contenevano nulla». Questo fatto, accaduto durante una predicazione a Brescia, lo fece molto benvolere dai Gonzaga, tanto legati alla reliquia del Preziosissimo Sangue di Cristo portata a Mantova da San Longino dai piedi del Golgota.

San Giacomo della Marca nacque alla fine del 1300 a Monteprandone, provincia di Ascoli Piceno, zona molto influenzata dalla spiritualità francescana. Quando lasciò l’avvocatura era in Toscana, notaio nella segreteria comunale di Firenze e, nel 1416, entrò nell’Ordine dei Frati Minori, allievo di Bernardino da Siena. Abile predicatore, il suo ordine lo impiegò in Bosnia, Austria e Boemia. A lui si deve la fondazione di conventi, basiliche, biblioteche, pozzi e cisterne pubbliche. All’impegno religioso, là dove si fermava a predicare, univa l’impegno civile trovando tempo per scrivere una ventina di libri. «Morì a Napoli nel 1476, dove fu sepolto; nel 2001 il corpo è stato traslato nel Santuario di Santa Maria delle Grazie a Monteprandone - spiega Signorini -. E’ stato proclamato santo nel 700. Nella chiesa di San Francesco a Mantova, nel cui convento alloggiava, gli era stata dedicata la 1ª cappella a destra, passata poi al culto di San Giuseppe».

Queste e tante altre storie sulla vita del compatrono saranno, almeno in parte, svelate il 3 dicembre alle 16.30, nella biblioteca del convento francescano durante la presentazione del libro cui prenderanno parte l’autore, l’editore Luciano Parenti e il padre guardiano del santuario di Monteprandone frate Marco Buccolini.

tratto dalla gazzetta di mantova



 

Il libro: Mantovani nel Mondo
Banner
NEWS in Breve
Banner
Menù Utente
Login



Link utili
Il nostro banner

Mantova nel web
mantova - Google News
  • Eurofroup Volley: il sestetto viancazzurro ritorna al successo - Tg10.it
  • Mantova, si ribalta un camion Interrotta la strada Ostigliese - Gazzetta di Mantova
  • Pejo 3000 - Oggi apre la nuova funivia Tarlenta - Rifugio Mantova - DoveSciare.it
  • CCT: ultime aste TABELLA - Archivio Radiocor
  • Buon pari per un brutto Mantova - Gazzetta di Mantova
  • Ravenna allunga in vetta. Milano corsara a Mantova - Corriere dello Sport.it
  • Saldi, partenza frenata in città Affollati outlet e centri commerciali - Gazzetta di Mantova
  • Mantova: 14enne dice di esser stata sequestrata e stuprato. Era ... - Crimeblog.it (Blog)
  • INSUBRIA-MANTOVA 1-1 - Gazzetta di Mantova
  • Annuncio famiglia - Gazzetta di Mantova